Il Cedro e le sue grandi proprietà

Il Cedro ha origini asiatiche, già diffuso in Europa e in Italia dai tempi remoti. In Italia inizialmente veniva usato per allontanare le zanzare, solo un paio di secoli più tardi si capì che poteva essere anche mangiato. Oggi è molto diffuso in Calabria e viene usato nei modi più disparati, dai bagnoschiuma alle marmellate. Sono state scoperte molte proprietà nutritive, è ricco di tanti sali minerali, calcio e vitamina B1, C e fibre.
Ultimamente si è scoperto che apporta ottimi benefici nella cura di malattie gravi, viene preso in considerazione soprattutto per le sue qualità antitumorali, e le sue proprietà di contrastare i radicali liberi e quindi antiossidanti utili nella prevenzione del danneggiamento cellulare, questo dovuto alla quantità e qualità di flavonoidi e alla vitamina C. Questo agrume oggi è diventato il simbolo della “Giornata nazionale del malato oncologico“.
Da una ricerca condotta da dipartimento di Scienze farmaceutiche dell’Università della Calabria si è scoperto che il cedro apporta ottimi risultati nel trattamento del diabete e del morbo di Alzheimer.
Pianta di cedri, con i fruttiIl cedro è molto utile per combattere le obesità, ma soprattutto per chi soffre di colite in quanto ricco di Sali minerali e di vitamina C che svolgono un azione disinfettante dell’intestino.
Un’altra qualità importante del cedro è quella di essere un ottimo regolatore della pressione, infatti preso al mattino spremuto aiuta a tenere sotto controllo gli sbalzi di pressione, oppure preparando un bicchiere di acqua tiepida aggiungendovi del succo di cedro, viene creata una bevanda lassativa, capace di rallentare il logorio dello stress accumulato.
Se le bucce del cedro vengono spremute, ne verrà fuori un olio davvero miracoloso chiamato olio essenziale di cedro!
Grazie alle capacità di quest’olio di stimolare il microcircolo, basta unire poche gocce all’olio di mandorle e verrà fuori un unguento anti cellulite da spalmare e massaggiare nelle zone che causano gli inestetismi . Per aumentare le possibilità di ridurre cellulite e pelle a buccia di arancia viene consigliato di aggiungere una spremuta di cedro al mattino o alla sera.
Aggiungendo l’olio di cedro nella vasca da bagno naturalmente piena, verrà fuori un bagno davvero rilassante capace di liberarvi dallo stress accumulato.
Unendo poche gocce ad un po’ di alcool (basta un cucchiaio), e frizionarle sul cuoio capelluto un paio di volte al giorno, questo servirà a stimolare la crescita dei capelli.
L’olio di cedro, come scoperto in origine può essere usato come repellente contro le zanzare grazie alla citronella, ma viene usato altresì per alleggerire i disturbi renali.
Bisogna prendere comunque alcune accortezze per quanto riguarda l’olio di cedro: è fondamentale evitare di esporsi al sole o a lampade solari dopo averlo spalmato, e ovviamente non va usato sui bambini e sulle donne in gravidanza.
Inoltre è consigliato vivamente di non acquistare surrogati o prodotti industriali, ma direttamente il frutto. Per scegliere un buon cedro è necessario che abbia un aspetto luccicante, brillante, un colore vivace, va poi conservato in luogo fresco e asciutto.
Da fare attenzione a non confonderlo con il limone cedrato, una pianta particolarmente presente in Sicilia, dalle origini incerte, forse un incrocio spontaneo tra le due pianti che ha formato un ibrido tra il limone e il cedro.

Leggi anche questo articolo sui mille modi di preparare un insalata di cedro (presto on line)
Leggi anche questo articolo su come preparare piatti a base di cedro (presto on line)

Il miele di castagno, un aromatizzante più che dolcificante

Ho preso un boccaccio di miele al castagno, l’ho aperto e l’ho annusato…
A primo impatto se mi avessero bendato gli occhi a tutto avrei pensato tranne che fosse odore di miele, ma poi continuando ad odorare, sentivo questo profumo che si avvicinava lontanamente all’odore di castagna vero e proprio, ma che gradatamente lo richiamava.
Da li il mio palato ha iniziato a stuzzicarsi, ho preso un cucchiaio e l’ho assaggiato, si, un cucchiaio intero, e ho assaporato tutto il suo gusto, e ne sono rimasto davvero stupito. Un gusto insolito rispetto al comune miele, ma questo non vuol dire che di pessima qualità o sgradevole. Ero incuriosito perché facendo delle ricerche alcuni riportavano un gusto amaro o qualcosa di simile, ma penso sia dovuto perché ognuno di noi si aspetta il gusto del miele.
Ad ogni modo è un gusto particolare ma che conquista, non è il solito gusto, non è dolce, lascia un retrogusto abbastanza piacevole, e questo mi ha fatto venire la voglia di provarlo ogni mattino a colazione nel latte e devo dire che è un ottimo dolcificante, inoltre non è forte come lo zucchero, ed è facilmente digeribile, visto che il miele in natura viene già digerito dalle api.
Così ho provato a mischiarlo con qualcos’altro: nel latte e caffè come dolcificante non è male, ma devo ammettere che con un prodotto solubile non zuccherato al gusto di cappuccino sta davvero bene.
Ho provato a spalmarlo su un biscotto dolce, e i risultati variano a seconda del biscotto. Così ho provato a farne una portata sostanziosa, inizialmente l’ho spalmato su una fetta di pane con burro, ma poi ne ho creato una variante più complessa, aggiungendovi un pò di olio e l’ho messo nel fornetto per qualche minuto giusto il tempo di riscaldarlo, poi ci ho aggiunto un pò di lardo e il miele a tocchetti, devo dire che è una ricetta semplice da provare.
Un altra peculiarità che ha il miele, è quello di potersi abbinare in modo spettacolare con i formaggi, allora senza sbilanciarmi ho provato prima con la panna, l’ho montata con lo zucchero e l’ho mescolata con dello yogurt greco, ci ho aggiunto un paio di noci tritate e un paio di mandorle, ho mescolato nuovamente, e per finire ci ho aggiunto qualche giro di miele di castagno, un dolce davvero spettacolare. Successivamente ho provato ad abbinarlo con la ricotta, e devo ammettere che è un abbinamento davvero azzeccato. Così ho provato a fare una mousse, ho montato con la frusta elettrica due albumi di uova finchè non si facesse una schiuma, dopo vi ho aggiunto del miele un paio di cucchiai, ho rimescolato il tutto poi vi ho aggiunto la ricotta e rimescolato di nuovo, provate e commentate.
Questo miele può essere usato anche come aromatizzante dei sughi in cucina, soprattutto per le carni, vi riporto una ricetta che mi è stata suggerita per preparare un filetto di maiale con il gusto del miele di castagno: Bisogna portare in ebollizione un bicchiere di aglianico aggiungendo un filo di olio di oliva, menta e un cucchiaio di miele di castagno. Poi posare il filetto di maiale già salato e fare asciugare il sughetto, quindi toglierlo e lasciare che il sugo si caramelli per riversalro sopra il filetto.

Con il miele di castagno vengono fatti dei dolci tipici davvero squisiti e da intenditori: i crustoli, un dolce tipico, fatto con la pasta frolla e immerso nel miele, difficilmente si assaggia il primo e ci si ferma qui; mentre è possibile creare una variante delle susumelle, un dolce tipico natalizio.
Una cremina molto semblice e gustosa da provare con la variante del miele di castagna è lo zabaione: Mettete 6 tuordi d’uova, 120g di marsala e 120g di zucchero in un recipiente a bagnomaria, sistemato a fuoco basso. Il composto va montato per circa 10 minuti ottenendo così lo zabaione che deve essere abbastanza denso e gonfio, a questo punto va insaporito con il miele di castagno a filo. Può essere presentato nelle coppette e guarnito con la frutta candita a cubetti.

Il miele di castagno è molto ricco di sale minerali, consigliato per gli sportivi, per gli anziani e per i bambini, per gli anemici e chi soffre di inappetenza, ha fantastiche proprietà terapeutiche, soprattutto per la circolazione sanguigna, è un antispasmodico e astringente e disinfettante delle vie urinarie.

Vi potranno tornare utili queste ricette:
Crustoli Natalizi

Ricette Link esterni:
Torta di mele con miele di castagno e mandorle

Baccalà al miele di castagno
Ciambella di ricotta, mele e miele di castagno
Tortina di farina di mais al miele di castagno
Inslata di fichi fioroni e pecorino

Risottino Al Miele Di Castagno

Prodotti correlati
Prodotto correlato, miele di castagno Acherenthia visita il nostro e-shop