Patate con olive nere

Immagine

Le patate sono un alimento ad alto contenuto di carboidrati derivanti dall’amido, che costituisce un tipo di carboidrato polisaccaride complesso, di cui il suo processo digestivo è molto più laborioso, quindi in base a come vengono abbinati gli alimenti si hanno conseguenza sull’alimentazione come ad esempio arricchire un alimento ricco di carboidrati con un altro alimento a base di carboidrati oppure unire le proteine ai carboidrati complessi.

Le patate sono classificate come un carboidrato complesso, e chiunque di noi non ha commesso un piccolo errore nella combinazione di questo alimento, famosa è la leggenda della Pasta e Patate, il mangiare dei carcerati “U manciar di carcerati“.
Quindi se può essere utile, ecco qualche piccola accortezza su come non abbinare le patate e come poterle abbinare.

NO
Pomodoro, Cereali, Pane, Pasta, Zucca, Legumi

SI
Carote, Olio, Verdure, Ortaggi, Insalate, Formaggi, Uova, Carne, Pesce, Frutta Secca

In questa ricetta abbiamo abbinato un ottimo miscuglio casereccio a base di olio e verdure, dove abbiamo preso le olive e l’origano.

Ingredienti:

  • 1Kg. di patate
  • una manciata di olive nere secche
  • sale
  • origano se piace
  • pepe rosso in polvere
  • olio

Procedura

Tieni a bagno in acqua tiepida per un paio di ore le olive secche. Intanto pela, lava e taglia le patate a fette rotonde non molto sottili. Mettile a friggere in olio bollente, salandole e lasciandole cuocere dolcemente col coperchio.
Ogni tanto mescolale, perché devono un pò disfarsi e risultare in parte morbide, in parte croccanti e quasi abbrustolite.

A metà della loro cottura, verserai nella padella le olive già ammorbidite, se piace, un pò di origano. Eviterai di far soffriggere troppo le olive, perchè diventerebbero dure e legnose.
Solo prima di togliere la padella dal fuoco, cospargerai il tutto di pepe rosso macinato, dolce o piccante, a tuo gradimento.

Servi ben caldo.

Usanze

Le patate così fritte, solo con olio e sale e lasciate accartocciare seguendo questa modalità, si chiamano “mpalluttate” e sono veramente buone, se cotte nella padella di ferro, sulla brace di legna.

Maccheroni, Maccarruni con Ragù calabrese

Immagine

I maccheroni o Maccarruni, sono un tipo di pasta molto grosso e striato di forma tubolare vuota e lunghezza varia, sui 6 cm che ha origine nella parte meridionale dell’Italia patria dell’alimentazione mediterrana. La forma tubolare e vuota serve a contenere il sugo, come anche le striature impresse su questa pasta servono per tenere fermo il sugo, che ovviamente più corposo è, più si sposa con la pasta e ne contiene meglio il sapore.
In questa ricetta viene proposto un sugo fatto alla calabrese, molto denso e corposo fatto apposta per questo tipo di pasta.

Ingredienti

  • 600 gr di pasta Maccheroni
  • 500 gr di polpa di manzo a pezzi
  • 50 gr di pancetta
  • 20 gr di burro
  • 1 kg di pomodori
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • Quanto basta di cipolla
  • Lauro, olio, sale e pepe

Preparazione

Per ottenere un sugo denso e vellutato prendere una parte del manzo un po’ gelatinosa, benissimo lo stinco, oppure il girello. Mettete a freddo nel tegame la carne a pezzi, una cipolla affettata, la pancetta tritata, una foglia di lauro, una cucchiaiata di olio, una noce di burro e regolare sale e pepe; versate tanta acqua da coprire a filo la carne. Cuocete con coperchio e su fuoco basso, fino a che l’acqua è quasi consumata; lasciate rosolare un po’ la carne. Aggiungete il vino e lasciatelo evaporare; mettete ora i pomodori sbucciati senza semi e grossolanamente tritati, coprite ogni cosa di nuovo con acqua e lasciate cuocere per 3 – 4 ore. Il sugo dovrà presentarsi denso e la carne spappolata. Ora condite i “maccaruni” che possono essere anche sostituite: zite, martagliati, penne o maccheroni.

Pasta con sugo di seppie rosse o nere

Immagine

Ingredienti:

  • 1kg. Di seppie,
  • 500gr. di passato di pomodoro,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 1 foglia di alloro,
  • prezzemolo,
  • olio d’oliva,
  • sale,
  • pepe nero o un peperoncino rosso piccante.

Per le “seppie nere” aggiungere l’inchiostro delle seppie.

Procedimento:

Cuoci le seppie con gli ingredienti detti, seguendo le indicazioni della ricetta delle seppie nere o con il sugo al pomodoro.
Con il sugo, reso ben cremoso dalla cottura a fuoco lento, condisci la pasta, preferibilmente vermicelli fatti in casa.
Se vuoi che il sugo sia nero, aggiungi l’inchiostro delle seppie al sugo dei pomodori o dall’inizio, per cuocerlo insieme alle seppie, o di crudo, mescolandolo a qualche cucchiaiata di salsa rossa già cotta.

È questo l’uso più diffuso per ottenere la “pasta nera”; ma, per gustare meglio il sapore delle seppie, alcuni non usano mettere i pomodori e cuociono le seppie solo con l’inchiostro e con gli altri ingredienti suggeriti.