Braciolette di vitello alla conti

Immagine

Ingredienti

  • 50gr di prosciutto cotto,
  • 400gr di coscia di vitello,
  • 200gr di mozzarella,
  • prezzemolo,
  • 150gr di mollica,
  • 50gr di strutto o burro,
  • 25gr di parmigiano,
  • sale,
  • pepe,
  • mezzo bicchiere di latte.
  • olio d’oliva

Procedura

Tagliate la carne a fettine di una ventina di grammi l’una, battetela in modo da ottenere delle braciolette lunghe e sottili e mettetele da parte. Fate un impasto con il prosciutto, la mozzarella e il prezzemolo, tutto tritato finemente e amalgamato a circa un ettogrammo di mollica di pane, strutto, parmigiano, sale, pepe e mezzo bicchiere di latte. Dividete l’impasto in tante palline, che dovranno risultare in egual numero delle fettine di carne. Avvolgete ciascuna fettina su una pallina di ripieno, in modo che questo risulti perfettamente rinchiuso e infilate tre o quattro involtini per volta su uno stecco di legno. Ungete bene gli spiedini, passateli nella mollica tritata e cuoceteli sulla graticola a fuoco moderato.

Panzerotti di ricotta

Immagine

Il Panzerotto e un classico prodotto gastronomico cotto o fritto, dolce o salato, tipico del sud, nasce dalla tradizione pugliese dove venivano usate le rimanenze della pasta e del pane che uniti venivano cotti a forma di mezza luna con formaggio e pomodori.

I Panzarotti, sono un prodotto tipico gastronomico da rosticceria o pizzeria formato da una mezza luna ripiena, dalla forma di una pizza piegata a metà ed è tipico delle zone del centro sud.
Il panzerotto originale chiamato anche calzone, anche se in alcune località indica tutt’altro prodotto, è costituito con lo stesso impasto della pizza margherita e viene fritto con olio extravergine di oliva, lo si chiama calzone per distinguerlo dai panzerotti che essendo gli stessi vengono cotti al forno o hanno un altro ripieno all’interno. Esistono molte varianti di ripieni, come quello delle olive snocciolate, delle acciughe, o delle cipolle e dei capperi.

Quello che vi proponiamo in questa ricetta è un calzone ripieno di ricotta, in Calabria chiamato anche “chjnulilla” che rappresenta il panzarotto dolce, farcito con crema di ricotta, dal latino “plenus”, pieno.

Ingredienti

Per l’impasto:

  • 500gr. di farina
  • 3 uova
  • 50gr. di zucchero

Per il ripieno

  • 300gr. di ricotta
  • 150gr di zucchero a velo
  • un pizzico di cannella

Oppure

  • 300gr. di ricotta
  • 100gr. di zucchero a velo
  • la buccia di mezza arancia e di mezzo limone
  • un goccetto di Cointreau o di altro buon liquore

Procedura

Prepara prima di tutto la crema che ti servirà per farcire amalgamando gli ingredienti scelti fra le due ricette consigliate e poi lasciala riposare un paio di ore o più al fresco.

Fai un morbido impasto con la farina, con le uova e con lo zucchero. Lavoralo a lungo, aggiungendo, se l’impasto lo richiedesse, qualche goccia di olio di oliva.

Ricavane una sfoglia sottile, che, usando magari un bicchiere capovolto, ritaglierai in dischi di 4-6cm. di diametro, utilizzando gli avanzi per una nuova sfoglia.

Versa al centro di ogni disco un cucchiaino di ripieno; inumidiscine i bordi con un uovo sbattuto insieme ad un goccetto di acqua e ripiegali in semicerchio, premendo per fare uscire l’aria e per fare aderire bene i bordi.

Adagiali su un panno leggermente infarinato, ben distanti l’uno dall’altro e friggili in strutto o olio bollente.

Toglili be dorati, posali sulla carta assorbente e cospargili di zucchero a velo.