Liquore di limoni

Immagine

Ingredienti

  • 4 limoni grossi
  • 1 tazza di thé
  • 1 baccello di vaniglia
  • 4 chiodi di garofano
  • 1 litro di alcool a 90°
  • mezzo litro di acqua
  • 500 gr di zucchero

Preparazione

Lavate accuratamente i limoni e con un coltellino togliete solo la parte gialla della scorza. Poi mettetela in infusione in un vaso a chiusura ermetica con la metà dell’alcool, i chiodi di garofano e la vaniglia per otto giorni.

Il nono giorno fate con l’acqua e lo zucchero uno sciroppo e lasciatelo raffreddare.
Preparate il thé in modo che sia ben forte e spremete accuratamente le bustine perché tutto l’aroma esca. Aggiungetelo allo sciroppo e lasciate raffreddare.

Filtrate accuratamente il liquore spremendo bene le bucce. Aggiungere il rimanente alcool e lo sciroppo con il thé, mescolate e filtrate ancora, finché il liquore apparirà ben limpido.
Tappate accuratamente e conservate in un luogo fresco ed asciutto.

È un ottimo digestivo ed un ottimo fine pranzo e ricordate che i liquori agli agrumi più invecchiano e più acquistano in sapore.

Liquore di limoni

Immagine

Il limone nasce da un innesto tra il pomelo e il cedro effettuato tanti secoli fa che ne ha trasformato pianta e frutto una specie originale.
Il limone nasce in Cina da dove ne parte la sua coltivazione in tutto l’oriente fino a giungere sulle nostre coste mediterranee e nei luoghi più caratteristici che ne hanno influenzato le varietà. Infatti molte sono le varietà di limoni dove sommariamente cambia la parte esteriore ma non le proprietà interiori, famosi sono in Italia i limoni di Sorrento o di Siracusa e i limoni della Costa d’Amalfi, da dove si può intuire che questa pianta viene coltivata soprattutto nelle coste soleggiate.

Per concludere, il limone non solo è ricco di vitamina C scudo anti influenzale e rafforzo delle difese immunitarie, ma ha anche molti poteri anti ossidanti e disintossicanti che ne conferisce grandi poteri anti colesterolo.

Per la ricetta in questione abbiamo tuttavia bisogno soltanto delle bucce, ma non è detto che è possibile fare una spremuta con il contenuto, magari uno spunto per una nuova ricetta, oppure spremerlo in un bicchiere di acqua a temperatura ambiente con un pezzo di zenzero grattugiato, un composto disintossicante che accelera il metabolismo facendo bruciare più velocemente i grassi.

Ingredienti

  • La buccia di cinque limoni appena raccolti
  • 500gr di alcool da liquore (o paesanella se fatta in casa)
  • 450gr di zucchero
  • 450gr di acqua
  • Ti serve anche la carta bibula come filtro

Procedura

Taglia in sottilissime striscioline la buccia gialla dei limoni, evitando di includervi  la parte bianca interna.
Lasciale macerare al buio per sei giorni in mezzo litro di alcool, mescolandole ogni tanto.
Il settimo giorno fai sciogliere e bollire lo zucchero nella dose di acqua indicata, poi lasciala raffreddare e travasaci le scorzette dei limoni, che avrai tolto dall’alcool, tenendolo da parte. Lascia in infuso per altri due giorni le bucce nello sciroppo, quindi eliminale; unisci l’alcool e lo sciroppo e filtrali lentamente con la carta bibula una o due volte, sino ad ottenere un liquore limpidissimo.

Liquore alla cipolla di Tropea

Immagine

Dopo tutte le richieste che abbiamo avuto, vi accontentiamo con questo metodo di conservazione di un ortaggio di cui ci facciamo vanto in Calabria, la Cipolla di Tropea. Cresce nell’area vicino a Capo Vaticano e Ricadi, ma per il fatto che le sue esportazioni partivano dallo scalo della stazione di Tropea, ne deriva il nome di Cipolla Rossa di Tropea, oggi esportata in tutto il mondo. Continua a leggere