Risotto al melone

Immagine

Ingredienti

  • 1/2 melone,
  • 50gr di burro,
  • 1/2 scalogno,
  • 2 pugni di riso a persona,
  • brodo di pollo o di dado,
  • 1 bicchiere di rhum,
  • sale pepe

Procedura

Pulite il melone dalla buccia e dai semi. Tagliatelo a dadini e mettetelo a cuocere in un tegame con una parte di burro ed un pò d’acqua. Salate e lasciate cuocere fino a quando con la forchetta non sarà così tenero da poterlo schiacciare.
In un tegame per risotti sciogliete il burro infarinato e soffriggete leggermente lo scalogno, aggiungete il riso, fatelo tostare un pò e sfumatelo con una spruzzata di rhum.
Aggiungete per due volte un mestolo di brodo e quando il secondo sarà già assorbito unitevi il purè di melone, aggiustate di sale e finite la cottura del risotto aiutandovi sempre con il brodo. Levatelo al dente e servitelo con una macinata di pepe verde.

Patate con olive nere

Immagine

Le patate sono un alimento ad alto contenuto di carboidrati derivanti dall’amido, che costituisce un tipo di carboidrato polisaccaride complesso, di cui il suo processo digestivo è molto più laborioso, quindi in base a come vengono abbinati gli alimenti si hanno conseguenza sull’alimentazione come ad esempio arricchire un alimento ricco di carboidrati con un altro alimento a base di carboidrati oppure unire le proteine ai carboidrati complessi.

Le patate sono classificate come un carboidrato complesso, e chiunque di noi non ha commesso un piccolo errore nella combinazione di questo alimento, famosa è la leggenda della Pasta e Patate, il mangiare dei carcerati “U manciar di carcerati“.
Quindi se può essere utile, ecco qualche piccola accortezza su come non abbinare le patate e come poterle abbinare.

NO
Pomodoro, Cereali, Pane, Pasta, Zucca, Legumi

SI
Carote, Olio, Verdure, Ortaggi, Insalate, Formaggi, Uova, Carne, Pesce, Frutta Secca

In questa ricetta abbiamo abbinato un ottimo miscuglio casereccio a base di olio e verdure, dove abbiamo preso le olive e l’origano.

Ingredienti:

  • 1Kg. di patate
  • una manciata di olive nere secche
  • sale
  • origano se piace
  • pepe rosso in polvere
  • olio

Procedura

Tieni a bagno in acqua tiepida per un paio di ore le olive secche. Intanto pela, lava e taglia le patate a fette rotonde non molto sottili. Mettile a friggere in olio bollente, salandole e lasciandole cuocere dolcemente col coperchio.
Ogni tanto mescolale, perché devono un pò disfarsi e risultare in parte morbide, in parte croccanti e quasi abbrustolite.

A metà della loro cottura, verserai nella padella le olive già ammorbidite, se piace, un pò di origano. Eviterai di far soffriggere troppo le olive, perchè diventerebbero dure e legnose.
Solo prima di togliere la padella dal fuoco, cospargerai il tutto di pepe rosso macinato, dolce o piccante, a tuo gradimento.

Servi ben caldo.

Usanze

Le patate così fritte, solo con olio e sale e lasciate accartocciare seguendo questa modalità, si chiamano “mpalluttate” e sono veramente buone, se cotte nella padella di ferro, sulla brace di legna.

Patate al salmoriglio, Patate a ‘nzalata

Immagine

La patata è tra uno degli alimenti più consumati dalle popolazioni antiche per la semplicità di produzione e coltivazione, è ovviamente un alimento territoriale, cresce nelle zone montane, a cospetto dei fichi in ambiente arido opposto o castagne in ambiente collinare intermedio.
Le patate venivano quindi consumate sin dai tempi antichi anche come pasto principale, e anche se non se ne era a conoscenza delle sue proprietà, le patate, rappresentano un alimento ricco di carboidrati, ma non solo, vitamine e minerali quali vitamina C, vitamina B5, potasssio, tiamina, riboflavina, folati, niacina, magnesio, fosforo, ferro e zinco, non per ultimo la buccia delle patate, oltre a contendere potassio, contiene una buona quantità di fibre, carotenoidi e polifenoli

La maggior parte delle sostanze nutritive della patata sono contenute nella polpa, ma bisogna tenere presente che la cottura e la sua trasformazione ne possono alterare le proprietà e le quantità come ad esempio le patate sbucciate e conservate a lungo, perdono parte delle loro proprietà nutrizionali eccetto il contenuto di potassio e vitamina B. La differenza viene fatta anche per quanto riguarda le varietà: le patate novelle, contengono meno sostanze tossiche e sono una fonte alimentare piena di nutrienti.

Questa ricetta accompagna la patata lessata con un contorno fatto con una salsetta al salmoriglio con olio, aceto, aglio, prezzemolo, origano, sale e pepe nero, una semplice ricetta a base di carboidrati, a basso indice glicemico, nutriente e gustosa.

Ingredienti

  • 5 patate
  • salsetta al salmoriglio con olio, aceto, aglio, prezzemolo, origano, sale e pepe nero

Preparazione

Mentre lessi le patate con tutta la buccia, prepara il salmoriglio, mescolando bene in una ciotolina l’olio, l’aceto, le foglioline di origano secco, il sale, il pepe nero, l’aglio ed il prezzemolo tritatissimi. Puoi evitare l’aglio, se non ti piace.

Pela le patate bollite, lasciale raffreddare bene e poi tagliale a spesse fette rotonde, che condirai col sughetto preparato.