Cipollacci Selvatici

Il cipollaccio o lampascione è un ortaggio selvatico che si trova nelle zone del meridione come in Calabria e Puglia, e qualche regione del centro nord.

Si trova nei terreni incolti e nelle campagne collinari e pianeggianti, ma può spingersi anche  su terreni con alture superiori ai 1000 metri.

Il cipollaccio viene raccolto nella fase dell’emissione dello scapo floreale quando le foglie sono bene visibili e ben indentficiabili in quanto possono confondersi con il velenoso colchico, quindi di solito verso la prima vera inoltrata. E’ importante segnare un chiaro riferimento dove si sono individuati i cipollacci in fiore

Oggi è possibile trovare sul mercato bulbi derivanti da coltivazioni, dal sapore meno marcato, ma, ugualmente, ottimi.

Ingredienti

  • 500 gr. di cipollacci
  • mezzo bicchiere di aceto
  • una foglia di alloro
  • pepe rosso pestato
  • olio di oliva
  • sale

Preparazione

Pulisci i cipollacci ed eliminane le prime fogli e e le codette verdi, che sono amare, utilizzando solo la prima parte bianca delle code. Tagliali in quattro o in due, se sono piccoli, e falli cuocere in abbondante acqua bollente senza sale.

Mettiti vicino un tegame e, usando il mestolo forato, togli i cipollacci lessati dal primo recipiente e, ancora gocciolanti, sistemali in questo tegame.

Versaci sopra mezzo bicchiere di olio di oliva e mezzo di aceto, una foglia di alloro spezzettata e il sale. Mescola un po’, incoperchia e lascia cuocere lentamente. Di tanto in tanto mescolali e schiacciane qualcuno con la forchetta, perché si trasformi in morbida crema.

Quando saranno ben soffritti potrai servirli in un piatto fondo, oppure in forma di tortino, rigirandoli con un piatto, per farli dorare da entrambi i lati.

Sono già buoni così cotti, ma la tradizione vuole che si cospargano di pepe rosso, piccante o dolce, almeno cinque minuti prima di toglierli dalla padella. Si mescoleranno bene e assumeranno il caratteristico colore rosso dato dal pepe.

Si servono alcune ore dopo la loro cottura e si conservano per un paio di giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *