Patate al salmoriglio, Patate a ‘nzalata

La patata è tra uno degli alimenti più consumati dalle popolazioni antiche per la semplicità di produzione e coltivazione, è ovviamente un alimento territoriale, cresce nelle zone montane, a cospetto dei fichi in ambiente arido opposto o castagne in ambiente collinare intermedio.
Le patate venivano quindi consumate sin dai tempi antichi anche come pasto principale, e anche se non se ne era a conoscenza delle sue proprietà, le patate, rappresentano un alimento ricco di carboidrati, ma non solo, vitamine e minerali quali vitamina C, vitamina B5, potasssio, tiamina, riboflavina, folati, niacina, magnesio, fosforo, ferro e zinco, non per ultimo la buccia delle patate, oltre a contendere potassio, contiene una buona quantità di fibre, carotenoidi e polifenoli

La maggior parte delle sostanze nutritive della patata sono contenute nella polpa, ma bisogna tenere presente che la cottura e la sua trasformazione ne possono alterare le proprietà e le quantità come ad esempio le patate sbucciate e conservate a lungo, perdono parte delle loro proprietà nutrizionali eccetto il contenuto di potassio e vitamina B. La differenza viene fatta anche per quanto riguarda le varietà: le patate novelle, contengono meno sostanze tossiche e sono una fonte alimentare piena di nutrienti.

Questa ricetta accompagna la patata lessata con un contorno fatto con una salsetta al salmoriglio con olio, aceto, aglio, prezzemolo, origano, sale e pepe nero, una semplice ricetta a base di carboidrati, a basso indice glicemico, nutriente e gustosa.

Ingredienti

  • 5 patate
  • salsetta al salmoriglio con olio, aceto, aglio, prezzemolo, origano, sale e pepe nero

Preparazione

Mentre lessi le patate con tutta la buccia, prepara il salmoriglio, mescolando bene in una ciotolina l’olio, l’aceto, le foglioline di origano secco, il sale, il pepe nero, l’aglio ed il prezzemolo tritatissimi. Puoi evitare l’aglio, se non ti piace.

Pela le patate bollite, lasciale raffreddare bene e poi tagliale a spesse fette rotonde, che condirai col sughetto preparato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *