Fiori di zucca fritti

Il fiore di zucca è un derivato della pianta della zucchina, si pianta circa nel mese di aprile / giugno e si raccoglie massimo nel mese di settembre.
La sua coltivazione viene fatta in ambienti abbastanza caldi con temperature al di sopra dei 20 gradi, dove trova molto spazio, nelle zone nostrane costiere.

Il fiore di zucca, o fiore di zucchino, o fiorillo, ha un colore giallastro, e in cucina dobbiamo usare maggiormente il fiore maschio che ha prevalenza rispetto al fiore femminile, il fiore maschio ha il gambo (peduncolo) sottile il quale dopo l’impollinazione è destinato a seccare, mentre i fiori femminili si devono recidere con delicatezza senza danneggiare l’ovario importante per l’impollinazione.

I fiori di zucca sono usati maggiormente dalle tipiche cucine napoletane (sciurilli) o romane (pastella alla romana), noi li proponiamo fritti dal nome Jurilli calabresi, ma sotto ne proponiamo la variante per farli alla napoletana.

Ingredienti

  • 300 gr di fiori di zucca
  • farina
  • olio
  • sale

Procedura

Prepara in una scodella una pastella piuttosto densa, mescolando insieme farina, acqua e sale. Lasciala riposare un’oretta e intanto monda i fiori di zucca. Lavali senza stropicciarli e posali ad asciugare su un panno pulito.

Al momento di friggere, immergi i fiori nella pastella, rigirandoli, perchè ne restino avvolti; poi friggili in olio bollente o prendendoli a cucchiaiate, per formarne delle frittelle, o, prendendone uno alla volta, sgrondandoli della pastella in eccesso e immergendoli nell’olio, per averli più croccanti.
Asciugali bene con carta assorbente e servili caldissimi.

Variante

Va diffondendosi l’uso, tipicamente napoletano, di preparare la pastella semiliquida con un paio di etti di farina e un dado di lievito di birra sciolto in acqua tiepida. La si lascia lievitare per circa quanranta minuti, poi vi si immergono i ifiori di zucca e si frigge il composto a cucchiaiate. Sono molto iù soffici dei “jurilli”calabresi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *