Ciambelline con uva passa

Le “cullurelle ccu ppassule”, dette tipicamente Ciambelline con uva passa, sono dei dolci tipici calabresi che si preparano per Pasqua assieme ai “pisaturi” e alle “cullure”.

Ingredienti

  • 1,5 Kg di fior di farina
  • 300 gr. di strutto
  • un bicchiere di olio di oliva
  • 3 dadi di lievito di birra
  • 4 o 5 uova
  • tre cucchiaini di semi di anice
  • un pizzico di sale

Per farcire: due chili e mezzo di uva sultanina.

Procedura

Tre o quattro giorni prima metti a bagno l’uva passa in abbondante acqua tiepida. Dopo alcune ore lavala ripetutamente, sino ad eliminare ogni traccia di terra.
Ricopri una larga cesta di vimini con un panno bianco e disponici l’uva ben scolata. Lasciala così asciugare al sole per i giorni seguenti, girandola di tanto in tanto delicatamente. Sarà pronta per questo uso, quando non sarà più umida, senza tuttavia essere troppo secca.
Solo allora puoi procedere a preparare le “cullurelle”, formando sull’asse di legno la fontana con la farina e spargendovi sopra un pugnetto di sale e non molti semi di anice.

Sciogli poi il ivevito di birra in una tazzina di acqua calda e versali sulla farina insieme allo strutto e ad un uovo. Comincia ad amalgamare gli ingredienti, unendo via via le altre uova. Non si può essere molto precisi sul loro numero, sia perchè esse non sono uguali, sia perchè dipende dall’assorbimento della farina stessa: ci si regola in base al colore dell’impasto e dalla su consistenza, che dovrà essere omogenea, elastica e tale che si possa lavorare a macchina con facilità. Il numero delle uova indicato fra gli ingredienti può quindi diminuire o aumentare.

Amalgama bene gli ingredienti detti  e lavora energicamente la pasta, poi aiutandoti con la macchina per pasta a mano, regolata sul n°5, ricavane delle strisce lunghe 35-40 cm. e larghe 15 cm. circa.

Ricoprirai di uva passa la parte centrale di ogni striscia, ne unirai i bordi bagnandoli con poca acqua e richiuderai in forma circolare il lungo rotolo farcito, dopoo averne inciso le due estremità, per chiuderle intrecciandole fra loro.

Sistema le “cullurelle” ottenute su un panno leggermente infarinato e ben distanti fra loro. Lasciale lievitare per almeno due ore, dopo le quali le metterai sulla placca del forno, unta di olio e infarinata. Spennellale con uova sbattute e infornale a 200°, lasciandole cuocere sinchè prenderanno un bel colore dorato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *