Idee ricette per il cenone di capodanno

Immagine

Non la solita ricetta e non il solito articolo che parla delle nostre ricette calabresi. Questa volta vogliamo pubblicare una serie di ricette e di idee per il cenone di capodanno che abbiamo selezionato girando per la rete e dividendo per tipo di cenone. Quì troverai tutti i links per avere delle idee per il cenone di capodanno compreso la famosa ricetta del cotechino e lenticchie di San Silvestro.

La suddivisione è stata fatta seguendo alcuni criteri sul tipo di preparazione, e sulla complessità di preparazione quindi abbiamo presentato la sezione degli antipasti, primi e secondi, idee per i dolci sfiziosi e particolare e le ricette di lenticchie e cotechino tradizionali, originali e decorative, ogni sezione è suddivisa in tre tipologie di menu:

  • Menu Impegnativo – con ingredienti complessi, a volte di difficile reperibilità e anche costo elevato che richiedono una preparazione meticolosa e impegnativa, spesso ricalcate da ricette da grandi chef e ristoranti e anche se di facile preparazione richiede comunque una certa esperienza in cucina
  • Menu Medio – quello presentato sulla maggior parte delle tavole con menu abituali e ingredienti comuni, contornati di piccole modifiche occasionali, ma di facile preparazione, a volte leggermente impegnative
  • Menu Rustico – composto da ingredienti in cui la preparazione è spicciola, richiede una preparazione rapida e immediata e i prodotti sono per lo più allo stato naturale abbinati tra di loro di solito di facile reperibilità, ma non sempre di costi bassi anche perchè sono stati selezionati prodotti naturali e la genuinità a volte ha un certo prezzo da pagare.

Antipasti Impegnativi

Antipasti Medi

Antipasti Rustici

Primo di Impegnativi

Primo Medio

Primo Rustico

Secondo Impegnativo

Secondo medio

Secondo Rustico

Ricette di lenticchie e cotechino

Idee Dolci

Melanzane alla scapece

Immagine

Così condite ma prive di olio, le melanzane si conservano a lungo nei “tarzarula” di coccio, si pigiavano bene, si coprivano col “timpagne”, un coperchio di legno rotondo, poco più piccolo del diametro del “tarzarule”, e si tenevano sotto una grossa pietra, sotto pressa. L’olio si aggiungeva quando si dovevano consumare, un pò per volta.

Le melanzane alla scapece in termine dialettale si chiamano “Luminciane ara schipicia” dove è chiaro che il termine “luminciane” signifca melanzane, mentre il termine “Schipicia” è un termine di origine araba derivante da “sikbeg” che indica nella locuzione un modo di condire le melanzane.

Ingredienti

  • 1Kg di melanzane
  • 5 spicchi di aglio
  • molte foglie di menta
  • aceto
  • olio di oliva
  • sale

Procedura

Togli solo il gambo alle melanzane e tagliale per il lungo a grosse fette. Lavale e lessale in acqua bollente salata. Scolale bene e mettile sotto peso in un colapasta, dopo averle cosparse di aglio affettato e di foglie di menta. Dopo un paio di ore, strizzale ben bene e condiscile con olio, aceto e sale.

Zuppa di cipolle rosse di Tropea semplice e di Capo Vaticano

Immagine

Una ricetta davvero semplice e facile, soprattutto tradizionale, un primo piatto molto gradito da accompagnare con un vino rosso forte. Questa volta proposto in due versioni, quella semplice e quella proposta nella zona di Capo Vaticano in provincia di Vibo Valentia dove vi è una fiorente produzione di cipolle rosse dolci, gustose e soprattutto piene di proprietà nutritive e terapeutiche. Continua a leggere